Visione

La nostra società è attraversata da mutamenti forti e radicali.
Senza la pretesa di una analisi sociologica, possiamo affermare di essere dentro una corrente tumultuosa di cambiamenti che hanno modificano modi di sentire e di agire che si ritenevano consolidati, che ingenerano innanzitutto un diffuso senso di disorientamento e precarietà. Aumentano, e si diversificano, le aree di disagio giovanile e le difficoltà degli adulti e delle famiglie a cogliere, interpretare e disattivare tale disagio, dove si mescolano insicurezza e sovrastima di sé, bisogno di autonomia e ricerca di punti di riferimento, aggravati da una situazione economica che sembra non lasciare spazio a speranze di miglioramento futuro se non a prezzo di sacrifici o ridimensionamento dello proprie aspirazioni.
Soggetti classici di educazione in ambito giovanile o r m a i faticano da tempo a raggiungere tutti i giovani, e lo Stato e gli Enti locali si sottraggono sempre più alla loro funzione di garanti del “welfare”, delegando sempre più al Terzo Settore il compito di alleggerire queste difficoltà. Gli adulti stessi assumono a volte atteggiamenti rinunciatari nel confronto dei loro compiti di educatori.
Nuove culture e valori diversi entrano nelle nostre comunità, culture e valori che non sempre trovano i canali corretti per confrontarsi e correlarsi con la realtà nella quale si inseriscono, ingenerando in tal modo incomprensioni ed ostilità nei confronti del ‘diverso’, incapaci di trasformare questa diversità in ricchezza per sé e per l’intera comunità.

In questo quadro, è fondamentale ed essenziale saper
capire i cambiamenti e le domande che giovani e famiglie pongono, per costruire risposte adeguate
ed efficaci;
collaborare con tutti i soggetti coinvolti, in un arricchimento reciproco di esperienze e capacità;
coordinare il lavoro delle agenzie educative e di sostegno, per un coinvolgimento fruttuoso delle energie di tutti e l’uso efficiente delle risorse.


Missione

L’art.2 dello statuto della Fondazione Giuseppe Antonio Galignani definisce i compiti della Fondazione come una finalità sociale “… di pubblica utilità e di solidarietà sociale nei settori dell’educazione, della formazione e della promozione di migliori condizioni della realtà adolescenziale e minorile. In tal senso si propone lo studio, la promozione e la messa a disposizione della comunità civile di attività (interventi e servizi specifici), risorse (umane e culturali), competenze (professionali, organizzative, conoscitive) inerenti le problematiche del disagio adolescenziale e minorile e le tematiche preventive e riabilitative ad esse connesse, inclusi gli aspetti familiari ed inerenti le varie manifestazioni del disagio”
L’ambito di intervento sono quindi minori, adolescenti e famiglie ma non solo, perché la “promozione di migliori condizioni della realtà adolescenziale e minorile” sottintende azioni sociali che coinvolgono comunità e istituzioni.
La forma è quella dell’analisi dei bisogni e della messa a disposizione di attività, risorse e competenze che danno vita a interventi finalizzati alla diminuzione e soluzione del disagio, ponendo attenzione a che siano rispondenti a bisogni reali, siano efficaci ed economicamente sostenibili.
Scopo primario della Fondazione è quindi “essere un soggetto educante” sia nei confronti degli adolescenti e dei minori, rispetto ai valori della conoscenza di sé, della convivenza civile, del proprio progetto di vita, sia nei confronti degli altri soggetti educanti (educare ad educare). Nella realtà attuale, dove il Terzo Settore è chiamato ad essere in prima persona promotore di opportunità, a questa funzione si aggiunge il compito di creare situazioni ed occasioni nelle quali soprattutto i giovani trovino risposta alle loro aspirazioni, valorizzandone le capacità e le intelligenze.
Complementare è il compito di una corretta gestione e valorizzazione del patrimonio della Fondazione, nel rispetto della volontà dei donatori e delle finalità statutarie.


Valori

I valori fondanti di una società civile quali la promozione dei diritti fondamentali, la solidarietà, il rispetto e la tolleranza sono fondanti anche per la Fondazione.
Altri valori si aggiungono in maniera specifica e consentono alla Fondazione il raggiungimento dell’obiettivo, valori quali:
la responsabilità che viene sentita da tutti gli attori nei confronti delle giovani generazioni e della comunità;
il senso di appartenenza alla comunità locale e al territorio, e di appartenenza alla Fondazione per tutti i soggetti che vi operano e vi collaborano;
la consapevolezza della complementarietà sia dentro la Fondazione, dove compiti e competenze di ciascun attore si sommano e si integrano, sia all’esterno, dove azioni ed interventi devono essere coordinati e insieme contribuiscono a costruire percorsi per raggiungere i risultati voluti.




SOSTIENICI

Donare è facile

È sufficiente inviare un bonifico bancario a:
Fondazione Giuseppe Antonio Galignani
Banca Popolare di Bergamo
Filiale di Palazzolo sull’Oglio
IBAN: IT98h0542854900000000078280
Causale: Donazione

Aiutaci

Scarica QUI il modulo di donazione e invialo via mail all’indirizzo info@fondazionegalignani.it con i tuoi dati anagrafici, codice fiscle ed indirizzo e provvederemo ad inviarti l’attestazione di erogazione liberale valida a fini fiscali. Tutte le donazioni fatte a Fondazione Galignani sono detraibili o deducibili.

5×1000

Scarica QUI il promemoria da portare con te alla dichiarazione dei redditi: per sostenerci nel tuo 730, CVD o Unico è sufficiente inserire il nostro codice fiscale 82000370179.